1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica
testata per la stampa della pagina
Contenuto della pagina

Ringiovanimento facciale tramite sospensione con "fili"

 
 

La tendenza a cercare un ringiovanimento del volto in età sempre più precoce, possibilmente con tecniche mininvasive caratterizzate da rapido decorso post-operatorio e da minimi rischi ha determinato un forte impulso allo studio ed all'applicazione di metodiche innovative che basano la propria efficacia sulla sospensione dei tessuti sottocutanei evitando le incisioni chirurgiche, gli scollamenti e di conseguenza le cicatrici, gli edemi e le ecchimosi importanti.
Si tratta del ringiovanimento facciale ottenuto con "fili" che grande attrazione esercitano non solo sui pazienti ma anche sui chirurghi. Gli interessi nei confronti di questo metodo impongono di cercare di chiarire cosa sono questi "fili", come vengono utilizzati e quali risultati consentono.

COMPOSIZIONE

In primo luogo, è necessario distinguere attualmente i fili di sospensione da quelli biorivitalizzanti.
I fili di sospensione sono attualmente generalmente costituiti da materiale riassorbibile associato a coni o ami di diverso tipo che servono per sollevare ed ancorare i tessuti. Vengono utilizzati a livello del terzo medio del volto per sollevare le guance ed attenuare i solchi naso genieni, a livello del terzo inferiore del volto per ricreare l'armonia dell'ovale del viso e a livello del collo per sollevare le regioni sottomentoniere e sottomandibolari. Sono indicati nelle fasi precoci dell'invecchiamento quando un lifting chirurgico non trova ancora applicazione. Necessitano di una pelle discretamente tonica e non troppo sottile o troppo pesante. La procedura viene effettuata ambulatoriamente in anestesia locale e consiste nell'inserire secondo diverse direzioni dei fili nel sottocutaneo sollevando di conseguenza la pelle nella direzione desiderata. Per questi motivi, a volte si possono creare delle pieghe e delle plissettature della pelle che durano alcuni giorni.
I fili biorivitalizzanti sono costituiti anch'essi di materiale riassorbibile simile a quello utilizzato per i fili di sutura e vengono inseriti con tecniche diverse a livello del derma. Non hanno lo scopo di sollevare i tessuti, ma di renderli più tonici e luminosi, stimolando i fibroblasti e la produzione di collagene. Sono da considerare una nuova alternativa ad altri prodotti di biorivitalizzazione, utili sia a livello delle guance che del collo dove trovano sempre maggiori indicazioni.



 

TECNICHE di Ringiovanimento facciale

I fili di sospensione, attualmente commercializzati, sono utilizzati a "cielo coperto" senza incisioni né scollamenti e sono posizionati nel sottocute in sedi diverse a seconda delle necessità lungo vettori differenti di trazione per sollevare opportunamente i tessuti. In particolare nel volto hanno lo scopo di sostenere i tessuti molli dell'angolo della mandibola e ridurre i solchi naso-genieni.
Le indicazioni sono riservate a persone relativamente giovani o comunque con cute di buona qualità e modesto eccesso cutaneo. In presenza di maggiore eccesso cutaneo, permangono per alcuni giorni pieghe e plissettature dove viene tirata la pelle.
Il risultato, nelle giuste indicazioni, comporta una maggiore freschezza del viso, con un aspetto sicuramente "non chirurgico", non paragonabile assolutamente ad un vero lifting, di durata temporanea quantificabile in un anno/ anno e mezzo a seconda dei casi. Ovviamente ciò rappresenta un limite della metodica che deve essere sottolineato al fine di evitare aspettative eccessive. Come complicanze è da segnalare il rischio, seppur molto basso, di infezioni; la possibile, seppur rara, palpabilità e visibilità dei fili in persone con pelli molto sottili e, infine, l'eventuale maggiore difficoltà in caso di futura esecuzione di face lift per le fibrosi cicatriziali che i fili determinano.
I fili biorivitalizzanti hanno lo scopo di tonificare i tessuti e non quello di sollevarli. Sono da confrontare ed eventualmente abbinare alle altre tecniche di biorivitalizzazione consentendo sicuramente risultati interessanti se utilizzati con i giusti obbiettivi.

 

CONCLUSIONI sul Ringiovanimento facciale

In definitiva, allo stato attuale, le sospensioni facciali con fili portano a risultati temporanei interessanti ed apprezzabili nelle corrette indicazioni, ovverossia nelle fasi precoci dell'invecchiamento. Non possono essere certamente paragonabili ad un lifting. Indicazioni a fili di sospensione e lifting sono generalmente differenti.
I fili biorivitalizzanti rappresentano un nuovo metodo di biorivitalizzazione che va ad aggiungersi agli altri, a volte sostituendoli a volte associandosi ad essi. Hanno lo scopo di tonificare i tessuti del volto e del collo e non strettamente di ottenere un effetto lifting.

 

 

Per maggiori informazioni su: RINGIOVANIMENTO FACCIALE a Bologna