1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica
testata per la stampa della pagina
Contenuto della pagina
 

MASTOPLASTICA ADDITIVA "IBRIDA": integrazione protesi e tessuto adiposo (lipofilling)

 

Se per ottenere un aumento significativo del volume mammario, è, ancora oggi, opportuno utilizzare le protesi, è da segnalare la recente possibilità, derivante dalle esperienze maturate, di associare il trasferimento di tessuto adiposo (lipofilling) all'impiego degli impianti, consentendo in casi selezionati di ottenere risultati molto più brillanti. Il lipofilling è molto utile per allungare ed arrotondare un polo inferiore retratto, riempire i quadranti laterali e, soprattutto, quelli superiori che possono essere assottigliati, al fine di rendere meno evidente la protesi.
Il lipofilling può essere, pertanto, molto utile per rimodellare la mammella e consentire un migliore alloggiamento della protesi, oppure per rendere meno visibile la protesi nelle zone dove i tessuti sottocutanei sono più sottili (quadranti laterali e superiori).  Utilizzato in questo modo, il lipofilling non ha funzioni "riempitive" ovvero di aumento in senso stretto, ma piuttosto migliorative sulla qualità del risultato.
Se, invece, viene prelevata una maggior quantità di tessuto adiposo, sempre che sia disponibile, è possibile anche ottenere un aumento parziale con il lipofilling e, di conseguenza, impiegare impianti protesici di volumi inferiori. E' questa la vera mastoplastica additiva "ibrida".
A seconda dei casi e delle indicazioni, il lipofilling può essere realizzato nel corso della mastoplastica additiva con protesi nel medesimo intervento, con allungamento dei tempi operatori, oppure preliminarmente in caso di difetti più importanti o qualora venga utilizzato a scopo riempitivo e di aumento volumetrico.
Associare all'inserimento di protesi il trapianto di tessuto adiposo (lipofilling) comporta non solo un allungamento dei tempi operatori, ma anche un possibile aumento dei rischi di infezione. L'indicazione deve essere pertanto valutata nei singoli casi, ma è indubbio che questa associazione di tecniche rappresenta un'ulteriore possibilità a disposizione del chirurgo plastico.