1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica
testata per la stampa della pagina
Contenuto della pagina
 

MI PRESENTO: CHI SONO E COSA PENSO

 

E' giusto premettere che non è facile scegliere il chirurgo plastico. Certamente conoscerne il curriculum e le attività è fondamentale, ma, oltre a ciò, credo che possa essere di aiuto conoscerne le idee ed i principi che ne regolano i comportamenti.

Io lavoro da più di trenta anni a Bologna svolgendo attività pubblica come Responsabile della Chirurgia Plastica dell'Ospedale Bellaria ed attività libero professionale in casa di cura e strutture di day surgery, avendo come punto di riferimento da sempre lo stesso ambulatorio in via Brugnoli.

Esplicitarvi le idee ed i principi di base che regolano i miei comportamenti, il mio modo di lavorare e di rapportarmi con i pazienti può contribuire a verificare se c'è corrispondenza con quanto il singolo richiede. Spero che tutto ciò, oltre alla valutazione delle mie competenze professionali, vi aiuti a capire se posso essere il chirurgo plastico per voi.

Prima di tutto, sono un medico ed il rapporto medico paziente è il primo aspetto fondamentale al quale tengo. Il rapporto deve essere fiduciario ed inizia con la visita. Dedico alla visita tutto il tempo necessario: in primo luogo,  per ascoltare e capire e poi per spiegare e chiarire.  Sono un medico e, come tale, devo fare prima di tutto la diagnosi e poi, se indicato, programmare il trattamento. Di conseguenza, non necessariamente "devo fare".

 
 

Mi occupo di chirurgia plastica, una chirurgia che, quasi sempre, viene eseguita per scelta e non in urgenza. La chirurgia plastica, diversamente da altre chirurgie, offre con una certa frequenza più possibilità di trattamento rispetto allo stesso problema. Al chirurgo spetta il compito di evidenziare i vantaggi e gli inconvenienti della singola tecnica in base alla propria esperienza, idee e, certamente,  gusto estetico, tenendo ben presenti le richieste del paziente. Cerco sempre di evidenziare il rapporto costi-benefici in senso lato dei vari trattamenti per aiutare il paziente nella scelta.  Questo però non significa eseguire in ogni caso quanto richiesto. Il chirurgo plastico non è un semplice esecutore d'opera, ma è il Medico che propone il trattamento e, in accordo con il paziente, lo effettua. Cerco sempre di far capire che il risultato ideale deve essere naturale ed armonioso, equilibrato in quel viso ed in quel corpo; di conseguenza, per me, il trattamento deve necessariamente essere personalizzato ed adattato alla singola persona in base alle condizioni di partenza. Il confronto con altri risultati anche personali realizzati da me non è frequentemente possibile, come non è corretto rifarsi a modelli presi da fotografie dei giornali o del web.
Un altro punto fondamentale del mio modo di pensare è che, non solo il medico deve ascoltare il paziente, ma anche il paziente deve ascoltare con attenzione il medico e capire quello che il chirurgo vuole comunicargli per potersi rendere conto del tipo di intervento eventualmente proposto e di quale potrà essere il possibile risultato: se le aspettative sono realistiche, tutto diventa più facile ed il rapporto chirurgo plastico- paziente può cominciare a funzionare. Se, alla fine della visita, non sono convinto di questo, chiedo di ripensare  a quanto detto e di rivederci in un momento successivo, al fine di evitare delusioni ed incomprensioni. Non sempre è semplice parlare, ascoltare e capirsi.  

 

Come tutta la medicina, anche la chirurgia plastica evolve nelle procedure e nella tecnologia e, spesso, sono personalmente coinvolto in studi volti a testare o migliorare nuove tecnologie. Io cerco di scegliere per i miei pazienti le tecniche più sicure, validate dalle esperienze: non mi piace applicare le novità senza che siano realmente confermate. Questo, tuttavia, non vuole assolutamente dire che io non consideri il nuovo, ma, piuttosto, che voglio studiarlo e capirlo, confrontandomi con gli altri colleghi, applicandolo nel momento opportuno; significa, soprattutto, rispetto verso i miei pazienti. A complemento di tutto ciò, dedico regolarmente all'aggiornamento scientifico tempo e risorse.

 

Spesso ho l'impressione che si dimentichi che la chirurgia plastica è "vera" chirurgia e, come tale, non si conclude certo con l'intervento, ma richiede controlli postoperatori durante i quali non solo seguo personalmente il decorso, ma cerco di rispondere a tutti i possibili dubbi. Resto a disposizione dei miei pazienti anche a distanza di anni per chiarire tutto quello che ritengono opportuno.

 

Spero che questa pagina possa essere utile per aiutarvi a capire se potrò essere il vostro chirurgo plastico.